Bando Misura 19.2.7.2A - Interventi di riqualificazione urbana e infrastrutturazione tecnologica connessi all’insediamento contestuale nel nucleo storico di attività private di tipo imprenditoriale. (Sostegno a investimenti finalizzati alla creazione, al miglioramento o all'espansione di ogni tipo di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico) Sottomisura c): Attivazione servizi di incubazione d'impresa, luoghi di co-working, fab-lab

Bando pubblicato il 20.12.2018
Strategia di aggregazione: Progetti integrati Locali
Scadenza per la presentazione della domanda di sostegno: ore 13:00 di giovedì 19.3.2019Scadenza prorogata al 18.4.2019 - ore 13:00. Scadenza ulteriormente prorogata al 30.4.2019 - ore 13:00.
Destinatari del bando: Enti locali aderenti a Progetti Integrati Locali.
Dotazione finanziaria assegnata: € 500.000,00
Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione:
- Bando Misura 19.2.7.2 Sottomisura c) 
- Allegato 1 Dichiarazione IVA
- Allegato 2 Dichiarazione Direttore dei lavori
- Allegato 3 CHECKLIST PER LE PROCEDURE DI GARA PER APPALTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i. - Codice dei contratti pubblici (attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE) 
- Scheda PSL “Colli Esini San Vicino” 
- Elenco Comuni del GAL “Colli Esini San Vicino” suddivisi per provincia e per aree rurali.
- I PIL del GAL "Colli Esini San Vicino"
N.B.  
1. Con riferimento al computo metrico da allegare al "progetto di fattibilità" si chiarisce quanto segue:
- il computo metrico delle opere deve essere dettagliato e corredato dall'analisi Prezzi qualora le voci non siano ricomprese nel Prezziario regionale;
- nel caso di arredi ed attrezzature va indicato il prezzo e deve essere allegata una dichiarazione del RUP in cui si attesti che i prezzi evidenziati sono stati determinati mediante indagini di mercato informali tramite ME.PA. o contatti diretti con i fornitori.
2.Circa la problematica relativa al riconoscimento dell’IVA per le spese tecniche con beneficiario pubblico si chiarisce che:
- per i beneficiari che non recuperando l'IVA ne inseriscono il valore nell'ambito dei costi di realizzazione, e quindi di rendicontazione, l'IVA sulle spese tecniche è riconosciuta al 22%, ma l'intero valore (imponibile + IVA) è ricondotto al 10% dell'importo delle spese per investimenti strutturali (imponibile + IVA);
Esempio: Lavori computo metrico € 100.000 + IVA al 10% = investimento rendicontato su cui si chiede il contributo € 110.000,00.
Spese tecniche € 10.000,00 + IVA al 22% = spesa rendicontata € 12.200. In questo caso il valore ammesso a contributo per le spese tecniche risulterà di €  11.000,00, equivalente al 10% del costo degli investimenti strutturali”.
Vi invitiamo pertanto ad adeguarVi a detti chiarimenti in sede di inserimento della domanda di sostegno in SIAR.

Bando Misura 19.2.4.1 Investimenti materiali ed immateriali - Sostegno ad investimenti "smart" nelle aziende agricole 
Bando pubblicato il 20.12.2018 

Scadenza per la presentazione della domanda di sostegno: ore13:00 del 19.3.2019. Scadenza prorogata al 18.4.2019 - ore 13:00. Scadenza ulteriormente prorogata al 30.4.2019 - ore 13:00.

Destinatari del bando: Micro imprese agricole singole o associate (che impiegano non più di 0,5 ULA a fine investimento), siano esse persone fisiche o giuridiche. Le imprese beneficiarie devono aver sottoscritto accordi di collaborazione con gli Enti pubblici coinvolti nel PIL/progetto d'area di riferimento, relativamente a specifiche attività e funzionali da svolgere coerenti con la tematica del Progetto integrato.

Dotazione finanziaria assegnata: € 400.000,00. Il sostegno è concesso in conto capitale con una intensità di aiuto pari al 40%. (con possibilità di incremento del 10% per gli interventi ricadenti nel cratere sismico effettuati da aziende del cratere). 
Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione.
N.B. A seguito dell'approvazione, da parte della Regione Marche, delle richieste di modifica alla Scheda di Misura 19.2.4.1, il CdA (seduta del 4.2.2019) ha sciolto "la riserva" e ha apportato al bando le seguenti modifiche, tutte coerenti con l’approvazione della richiesta di prevedere, per la micro impresa agricola …. l’impiego di non più di 0,5 ULA (come stabilito nella tabella dei fabbisogni di manodopera calcolata sulla base delle disposizioni regionali) ad inizio, e non più di 1 ULA a fine investimento. Nel caso in cui l’intervento riguardi unicamente la realizzazione di punti vendita extra aziendali, le ULA non verranno considerate né all’inizio né a fine investimento. Tale condizione sarà valutata esclusivamente attraverso gli investimenti fissi previsti.
Pertanto il bando (scarica ultima versione) è stato modificato nei seguenti paragrafi:
-  Frontespizio, sezione Destinatari del bando
-  Definizione di micro impresa
-  Paragrafo 5.1.3 punto 5
-  Paragrafo 6.2.1
-  Paragrafo 7.5 punto 1
Allegato 1 - Tabella delle produzioni standard (PS) 2010 Marche
Allegato 1 bis - Criteri di calcolo della dimensione economica aziendale espressa in Standard Output (SO) con riferimento alle finalità previste dal Piano regionale di sviluppo rurale 2014-2020.
Allegato 2 - Prezzario regionale per opere e interventi in agricoltura
Allegato 3 - Tabella per la determinazione del tempo-lavoro relativo all’attività agricola
Allegato 3 bis - Tabella per la determinazione del tempo-lavoro relativo alle attività agrituristiche
Allegato 4 - Modello dichiarazione liberatoria
Allegato 5 - Modello dichiarazione sostitutiva atto di notorietà relativa alla computazione dei lavori concernenti la domanda di saldo del contributo
Allegato 6 - Elenco Comuni del GAL “Colli Esini San Vicino” suddivisi per provincia e per aree rurali 
Scheda PSL “Colli Esini San Vicino” 
I PIL del GAL "Colli Esini San Vicino" 

Bando (versione CdA 18.12.2018) Sottomisura 19.2.4.1 

Bando Misura 19.2.7.2A - Interventi di riqualificazione urbana e infrastrutturazione tecnologica connessi all’insediamento contestuale nel nucleo storico di attività private di tipo imprenditoriale. (Sostegno a investimenti finalizzati alla creazione, al miglioramento o all'espansione di ogni tipo di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico) Sottomisura b): Interventi di infrastrutturazione dei centri storici per la erogazione di servizi, ottimizzazione della gestione delle utenze pubbliche, informazione turistica, sostegno alla fruibilità degli spazi da parte di persone con limitata mobilità

Bando pubblicato il 5.10.2018
Strategia di aggregazione: Progetti integrati Locali
Scadenza per la presentazione della domanda di sostegno: ore 13:00 di giovedì 17.1.2019. Scadenza prorogata alle ore 13:00 del 19.3.2019Scadenza prorogata al 18.4.2019 - ore 13:00. Scadenza ulteriormente prorogata al 30.4.2019 - ore 13:00.
Destinatari del bando: Enti locali aderenti a Progetti Integrati Locali.
Dotazione finanziaria assegnata: € 240.000,00
Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione:
- Bando (*) con modifiche/integrazioni (CDA 18.12.2018) Misura 19.2.7.2 Sottomisura b)
- Allegato 1 Dichiarazione IVA

- Allegato 2 Dichiarazione Direttore dei lavori
- Allegato 3 CHECKLIST PER LE PROCEDURE DI GARA PER APPALTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i. - Codice dei contratti pubblici (attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE) 
- Scheda PSL “Colli Esini San Vicino” 
- Elenco Comuni del GAL “Colli Esini San Vicino” suddivisi per provincia e per aree rurali.
I PIL del GAL "Colli Esini San Vicino"

(*)Con deliberazione del CdA nella seduta del 18.12.2018 sono state apportate alcune modifiche al Bando che hanno interessato i paragrafi 5.2, 5.4.2, 7.5.1 e 7.7.

N.B. I dati ISTAT relativi alla popolazione, da considerare ai fini della attribuzione dei punteggi di priorità, non sono quelli dell'anno 2015 masono quelli dell'anno 2016, riepilogati nell'allegato1 al bando relativo alla Misura 19.2.16.7 sub a) “Supporto per le strategie di sviluppo locale non CLLD – Selezione dei Progetti Locali Integrati (PIL)”.
N.B. LA RISERVA CON CUI ERA STATO PUBBLICATO  IL BANDO IN ATTESA DELLA APPROVAZIONE DEFINITIVA DELLE MODIFICHE DELLA SCHEDA DI MISURA DA PARTE DELLA REGIONE MARCHE  E' STATA "SCIOLTA"
N.B. 
1. Con riferimento al computo metrico da allegare al "progetto di fattibilità" si chiarisce quanto segue:
- il computo metrico delle opere deve essere dettagliato e corredato dall'analisi Prezzi qualora le voci non siano ricomprese nel Prezziario regionale;
- nel caso di arredi ed attrezzature va indicato il prezzo e deve essere allegata una dichiarazione del RUP in cui si attesti che i prezzi evidenziati sono stati determinati mediante indagini di mercato informali tramite ME.PA. o contatti diretti con i fornitori.
2.Circa la problematica relativa al riconoscimento dell’IVA per le spese tecniche con beneficiario pubblico si chiarire che:
- per i beneficiari che non recuperando l'IVA ne inseriscono il valore nell'ambito dei costi di realizzazione, e quindi di rendicontazione, l'IVA sulle spese tecniche è riconosciuta al 22%, ma l'intero valore (imponibile + IVA) è ricondotto al 10% dell'importo delle spese per investimenti strutturali (imponibile + IVA);
Esempio: Lavori computo metrico € 100.000 + IVA al 10% = investimento rendicontato su cui si chiede il contributo € 110.000,00.
Spese tecniche € 10.000,00 + IVA al 22% = spesa rendicontata € 12.200. In questo caso il valore ammesso a contributo per le spese tecniche risulterà di €  11.000,00, equivalente al 10% del costo degli investimenti strutturali”. Vi invitiamo pertanto ad adeguarVi a detti chiarimenti in sede di inserimento della domanda di sostegno in SIAR.

Bando Misura 19.2.7.2A - Interventi di riqualificazione urbana e infrastrutturazione tecnologica connessi all’insediamento contestuale nel nucleo storico di attività private di tipo imprenditoriale. (Sostegno a investimenti finalizzati alla creazione, al miglioramento o all'espansione di ogni tipo di infrastrutture su piccola scala, compresi gli investimenti nelle energie rinnovabili e nel risparmio energetico) Sottomisura a): Interventi di riqualificazione di centri e nuclei storici

Bando pubblicato il 5.10.2018
Strategia di aggregazione: Progetti integrati Locali
Scadenza per la presentazione della domanda di sostegno: ore 13:00 di giovedì 17.1.2019.Scadenza prorogata alle ore 13:00 del 19.3.2019. Scadenza prorogata al 18.4.2019 - ore 13:00. Scadenza ulteriormente prorogata al 30.4.2019 - ore 13:00.
Destinatari del bando: Enti locali aderenti a Progetti Integrati Locali.Dotazione finanziaria assegnata: € 370.000,00

Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione:-

Bando con modifiche/integrazioni (CDA 18.12.2018) (*) Misura 19.2.7.2 Sottomisura a) 
- Allegato 1 Dichiarazione IVA
- Allegato 2 Dichiarazione Direttore dei lavori
- Allegato 3 CHECKLIST PER LE PROCEDURE DI GARA PER APPALTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE D.Lgs. 18 aprile 2016, n. 50 e s.m.i. - Codice dei contratti pubblici (attuazione delle direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE) 
- Scheda PSL “Colli Esini San Vicino”
- Elenco Comuni del GAL “Colli Esini San Vicino” suddivisi per provincia e per aree rurali. 

 - I PIL del GAL "Colli Esini San Vicino"

(*)Con deliberazione del CdA nella seduta del 18.12.2018 sono state apportate alcune modifiche al Bando che hanno interessato i paragrafi 5.2, 5.4.2, 7.5.1 e 7.7.

N.B. I dati ISTAT relativi alla popolazione, da considerare ai fini della attribuzione dei punteggi di priorità, non sono quelli dell'anno 2015 masono quelli dell'anno 2016, riepilogati nell'allegato1 al bando relativo alla Misura 19.2.16.7 sub a) “Supporto per le strategie di sviluppo locale non CLLD – Selezione dei Progetti Locali Integrati (PIL)”.

N.B. LA RISERVA CON CUI ERA STATO PUBBLICATO  IL BANDO IN ATTESA DELLA APPROVAZIONE DEFINITIVA DELLE MODIFICHE DELLA SCHEDA DI MISURA DA PARTE DELLA REGIONE MARCHE  E' STATA "SCIOLTA".
N.B.  
1. Con riferimento al computo metrico da allegare al "progetto di fattibilità" si chiarisce quanto segue:
- il computo metrico delle opere deve essere dettagliato e corredato dall'analisi Prezzi qualora le voci non siano ricomprese nel Prezziario regionale;
- nel caso di arredi ed attrezzature va indicato il prezzo e deve essere allegata una dichiarazione del RUP in cui si attesti che i prezzi evidenziati sono stati determinati mediante indagini di mercato informali tramite ME.PA. o contatti diretti con i fornitori.
2.Circa la problematica relativa al riconoscimento dell’IVA per le spese tecniche con beneficiario pubblico si chiarire che:
- per i beneficiari che non recuperando l'IVA ne inseriscono il valore nell'ambito dei costi di realizzazione, e quindi di rendicontazione, l'IVA sulle spese tecniche è riconosciuta al 22%, ma l'intero valore (imponibile + IVA) è ricondotto al 10% dell'importo delle spese per investimenti strutturali (imponibile + IVA);
Esempio: Lavori computo metrico € 100.000 + IVA al 10% = investimento rendicontato su cui si chiede il contributo € 110.000,00.
Spese tecniche € 10.000,00 + IVA al 22% = spesa rendicontata € 12.200. In questo caso il valore ammesso a contributo per le spese tecniche risulterà di €  11.000,00, equivalente al 10% del costo degli investimenti strutturali”. Vi invitiamo pertanto ad adeguarVi a detti chiarimenti in sede di inserimento della domanda di sostegno in SIAR.

Bando pubblicato il 14.8.2018 
Scadenza per la presentazione della domanda di sostegno: ore 13:00 di venerdì 21.12.2018. Scadenza prorogata alle ore 13:00 di giovedì 17.1.2019. Scadenza ulteriormente prorogata alle ore 13:00 del 19.3.2019Scadenza prorogata al 18.4.2019 - ore 13:00. Scadenza ulteriormente prorogata al 30.4.2019 - ore 13:00.

Destinatari del bando: Microimprese e piccole imprese delle aree rurali, escluse le impese agricole, e persone fisiche.

Dotazione finanziaria assegnata: € 510.000,00. Il sostegno è concesso in forma di contributo in conto capitale di tipo forfettario.
Si applica il regime di aiuto “de minimis” (Reg. UE 1407/2013) (CAR 4885).

Per ulteriori informazioni scarica la seguente documentazione:
pdfBando Sottomisura 19.2.6.2 Sottomisura a) 
pdfScheda aiuto de minimis 19.2.6.2 sottomisura a)
Elenco Comuni del GAL “Colli Esini San Vicino” suddivisi per provincia e per aree rurali.
I PIL del GAL "Colli Esini San Vicino"

 

PRECISAZIONI ED ERRATA CORRIGE

1Errata corrige al paragrafo 7.
2. Si dà atto della presenza di un refuso al paragrafo 5.1.2 "Requisiti dell'impresa", lettera b) Impresa che si costituirà dopo la presentazione della domanda di sostegno - nella parte in cui si chiede che l'impresa che si costituirà dopo la presentazione della domanda di sostegno deve essere in possesso della partita IVA.
3. Per poter presentare la domanda di sostegno relativamente al presente bando, il Soggetto richiedente deve possedere i requisiti previsti dal bando ai paragrafi 5.1.1. e 5.1.2.Pertanto dovrà essere:

- un' Impresa già costituita da non più di 12 mesi al momento della presentazione della domanda di sostegno ....;
- una persona fisica che si costituirà dopo la presentazione della domanda di sostegno, entro 9 mesi dalla comunicazione della concessione dell'aiuto.
Pertanto, nel caso in cui il soggetto richiedente sia già titolare di P. IVA, lo stesso dovrà costituirsi in impresa prima della presentazione della domanda di sostegno, al fine di poter rientrare nelle tipologe di "soggetto richiedente" previste dal bando."
4. Al momento della presentazione della domandadi sostegno, va indicato il tipo di assetto societario che si andrà a costituire o è sufficiente indicare il futuro legale rappresentante? E' possibile costituie una ONLUS? 
Il tipo di società non deve necessariamente essere indicato, basta l'impegno a costituire l'impresa entro il termine richiesto dal bando. La Società potrà anche essere una Onlus, ma soltanto a condizione che sia una cooperativa. Non sono consentite forme prive di personalità giuridica. Si richiama l'attenzione sul paragrafo 5.1.1 del bando.
5. Con riferimento al criterio di selezione D “Aver partecipato alla totalità degli eventi informativi posti in essere in attuazione della misura 19.2.1.2 Sub A del PSL del GAL “Colli Esini San Vicino” 2014-2020 “Attività di animazione per lo scouting di idee imprenditoriali innovative nei settori “smart” e per la contaminazione tra manifattura e cultura” si chiarisce che è obbligatoria la partecipazione a tutte le tipologie di attività. Pertanto qualora per la medesima tipologia di attività siano stati organizzati più eventi informativi aventi tutti lo stesso oggetto, è sufficiente partecipare ad uno soltanto degli eventi.
6Con riferimento al criterio di selezione "B5: capacità del progetto di generare occupazione",

b5. capacità del progetto di generare occupazione  
Progetto il cui piano aziendale preveda, al termine dell’investimento, l’occupazione di oltre due unità full time compreso il titolare dell’impresa. 1
Progetto il cui piano aziendale preveda, al termine dell’investimento, l’occupazione di almeno due unità full time compreso il titolare dell’impresa. 0,5
Progetto il cui piano aziendale preveda, al termine dell’investimento, l’occupazione di una unità full time compreso il titolare dell’impresa 0

oltre al titolare, quando l'impresa deve avere gli occupati dichiarati nel progetto? E per quanto tempo devono rimanere in azienda? Può essere un tirocinante?”

Si precisa quanto segue: 
- l’occupazione “full time” è richiesta unicamente nell’ipotesi di un dipendente. In sede di rendicontazione dovrà essere prodotto il modello UNILAV dal quale risulti l’assunzione a tempo indeterminato e full-time;
- il titolare dell’impresa (nel caso di ditta individuale) e i soci purché amministratori (nel caso di società) sono considerati unità lavorative full-time; nel caso di “soci non amministratori”, se gli stessi risultano iscritti alla gestione previdenziale INPS degli artigiani o dei commercianti, gli stessi saranno considerati unità lavorative full-time.
- il Tirocinante non può essere considerato una unità lavorativa; 
- l’apprendista, purché full-time, a condizione che al termine del periodo dell’apprendistato professionalizzante venga confermato a tempo indeterminato e full-time, può essere considerato una unità lavorativa; 
- le unità lavorative dovranno essere assunte a tempo indeterminato e full-time.
Le assunzioni dovranno essere effettuate nel corso dell’investimento, dunque nel triennio e il loro permanere sarà verificato alla fine dei 3 anni previsti dal piano aziendale e, comunque,  al momento della presentazione della domanda di pagamento della seconda rata (cfr. paragrafo 7.3.3. del bando), dovrà essere dimostrata l’occupazione dichiarata in sede di domanda di sostegno.

 7. Relatativamente al paragrafo 5.1.2 del bando si precisa quanto segue:
- Nel caso di impresa già costituita al momento della presentazione della domanda di sostegno, se la stessa ha la sede legale fuori del territorio del PIL, al momento della presentazione della domanda di sostegno dovrà avere nel territorio del PIL almeno una unità produttiva.
- La dimostrazione della presenza di almeno una unità produttiva nel territorio del PIL può avvenire attraverso la consultazione dei registri della Camera di Commercio. Si rammenta che per qualsiasi unità locale è obbligatoria l’iscrizione presso i registri della competente Camera di Commercio.
- Naturalmente l’impresa che si costituirà dopo la presentazione della domanda di sostegno, dovrà possedere i requisiti previsti dal bando dal momento della costituzione.